You are here

Tecnologie

# Tecnologie indicizzate: 43
# Scheda: 
5

L'endotossina e' una tossina microbica, parte integrante della membrana esterna della parete di batteri
Gram-negativi che viene rilasciata completamente con la lisi del batterio. Le endotossine sono la
principale causa delle conseguenze cliniche delle infezioni da batteri gram-negativi ed è ritenuta
responsabile della patogenesi della sepsi, dello shock settico e della conseguente malattia
multiorgano
.

# Scheda: 
1

L’approccio Metagenomico consente un accesso senza precedenti alla composizione e alle funzioni delle comunità microbiche residenti in qualunque nicchia ambientale.

Le tecnologie Next Generation Sequencing (NGS) costituiscono un supporto essenziale per la produzione rapida di milioni di sequenze metagenomiche analizzabili solo grazie a strumenti bioinformatici sempre più potenti e sofisticati.

# Scheda: 
3

Le Cellule Tumorali Circolanti (CTC) nel sangue sono considerate un marker prognostico nella cura dei tumori. Sono oggetto di ampi studi data anche la non invasività dell’analisi e le informazioni da esse ottenibili. Ad oggi, non esiste un ‘gold standard’ sulle tecniche di detection e quantificazione di tali cellule nel sangue. Esistono infatti diverse tecnologie (30-35) in fase di sviluppo, ma un solo dispositivo commerciale approvato dalla FDA e testato attraverso diversi trial clinici: il CellSearch™.

# Scheda: 
12

Questa tecnologia valuta la collassabilità delle vie aeree superiori (VAS).

Se durante una respirazione, in fase espiratoria, si provoca una diminuzione della pressione alla bocca, le VAS saranno sottoposte ad una forza che tenderà a ridurne il calibro; questa riduzione dipenderà dal grado di collassabilità. La valutazione della collassabilità è ottenuta analizzando il flusso aereo durante l’indotta riduzione della pressione alla bocca.

# Scheda: 
16

La malattia da accumulo di glicogeno di tipo II o Pompe disease (PD) è una malattia genetica rara dovuta a mutazioni nel gene dell'alpha-glucosidasi lisosomiale acida (GAA) che produce gravi cardiomiopatie e scompensi motori.

L'unica cura approvata è la terapia enzimatica sostitutiva con l'enzima umano ricombinante che aumenta la sopravvivenza dei pazienti, ma mostra efficacia limitata.

# Scheda: 
22

Il test si basa su un sistema antigene-anticorpo in grado di individuare mediante immunofluorescenza la co-localizzazione delle proteine p53 e gamma tubulina nel centrosoma cellulare.

I soggetti eterozigoti mostrano la delocalizzazione di p53 dal centrosoma (p53 centrosomal delocalization: p53cd) nel 50% dei linfociti, mentre gli omozigoti la presentano nel 100%.

# Scheda: 
23

Le sequenze peptidiche NYLTHRQ, che fa parte del dominio II tipo-Immunoglobulina del recettore-1 del fattore di crescita dell’endotelio vascolare (VEGFR-1) e la sua variante YLXHR, in cui X può essere qualsiasi aminoacido ma preferibilmente T (treonina), sono in grado di:

# Scheda: 
26

Durante la biosintesi industriale dell’antibiotico eritromicina A (ErA), per fermentazione di S. erythraeus, sono accumulati metaboliti analoghi ma inattivi di ErA (eritromicina B, ErB, ed eritromicina C, ErC), complicando i processi di purificazione ed aumentando i costi di produzione. Uno degli enzimi coinvolto in questa biosintesi è il citocromo P450 EryK, specifico verso il suo substrato naturale eritromicina D (ErD) ma non sul metabolita secondario ErB.