You are here

opportunita' di mercato identificate

# Scheda: 
70

Il mantenimento di una rigorosa dieta priva di glutine nei soggetti celiaci è attualmente perseguito impiegando grani naturalmente non tossici.

La dieta gluten free non è semplice da seguire perchè piccole quantità di glutine sono presenti anche in insospettabili fonti alimentari e rappresenta una forte restrizione per i pazienti celiaci, giustificando così la ricerca di soluzioni alternative.

# Scheda: 
65

La nostra applicazione ha come scopo l’individuazione in leguminose di un nuovo meccanismo (unprecedented) di resistenza ad un nematode cisticolo il quale notoriamente causa gravi perdite di raccolto.

La tecnologia prevede l’utilizzo delle Next Generation Sequence (NGS) per l’individuazione di due single nucleotide polymorphisms (SNPs) funzionali; tali SNPs, determinando la modifica di due amminoacidi, alterano la funzionalità dell’enzima che causa l’insorgenza di una resistenza al nematode in oggetto.

# Scheda: 
64

I funghi micorrizici arbuscolari (AMF) sono endosimbionti della radice noti per le loro proprietà biofertilizzanti sfruttate in agricoltura.

La maggior parte dei produttori di inoculi biofertilizzanti presenti sul mercato commercializza prodotti basati su un ristrettissimo numero di specie AMF, che talvolta possono risultare inefficienti.

Il nostro gruppo ha messo a punto una tecnologia in grado di formulare inoculi biofertilizzanti ad hoc per specifiche colture e nicchie ambientali.

# Scheda: 
63

Si è messo a punto un collirio a base di nanosfere contenti myriocin, un inibitore della serina palmitoiltrasferasi, l’enzima che catalizza la reazione “rate limiting” della biosintesi di ceramide, un noto messaggero proapoptotico.

Abbiamo dimostrato che la somministrazione in vivo del collirio a base di myriocin a topi mutanti rd10, modello di Retinitite Pigmentosa(RP) umana, rallenta sensibilmente il decorso della degenerazione dei fotorecettori, prolungando la finestra temporale di visione utile.

# Scheda: 
53

La tecnologia è basata sull’introduzione di due geni sotto un promotore costitutivo per la biosintesi di un ormone vegetale, l’auxina, in batteri del suolo del tipo Rhizobium capaci di stabilire un rapporto simbiotico con piante Leguminose.

I batteri divengono così capaci di rilasciare l’ormone alle cellule radicali della pianta e determinano:

# Scheda: 
52

L'obiettivo è quello di progettare e validare una piattaforma multiparametrica che permetta la rilevazione simultanea di più marker immunoistochimici per il CRC, combinando diversi indicatori positivi o negativi, con lo scopo di sviluppare uno strumento diagnostico/prognostico più specifico.

# Scheda: 
49

Il software messo a punto, basato su un pacchetto di computer graphics 3D molto sofisticato, permette la visualizzazione di molecole, anche molto complesse quali le proteine, con una tecnica innovativa e molto efficace.

Infatti, basando i calcoli su dati scientifici ottenuti da database internazionali, ed utilizzando formule complesse e rigorose, con BioBlender è possibile visualizzare fenomeni biologici a livello atomico, e al tempo stesso con una forte capacità comunicativa.

# Scheda: 
48

Il prodotto è denominato Cardiovascular Suite e si compone di tre applicativi (studios) dedicati alla misura di diversi distretti dell'apparato cardiovascolare:

1) FMD Studio, per una valutazione funzionale dei vasi periferici;

2) Carotid Studio, per lo studio delle carotidi;

3) Pulse Wave Studio, per lo studio della rigidità vascolare.