You are here

SERVICE: Controllo qualità delle materie prime in campo farmaceutico / cosmetico

# Scheda: 
83

Il team fornirà ad industrie farmaceutiche, cosmetiche e produttrici di integratori alimentari un servizio di valutazione della tossicità riproduttiva e dello sviluppo embrionale e fetale, mediante test innovativi in vitro validati in house su vari modelli animali, utili per ricerca e sviluppo di nuove molecole.

# Scheda: 
72

L’istituto possiede know-how e strumenti per analisi con modelli matematici di due aspetti rilevanti nello sviluppo di farmaci:

Modelli per la valutazione dell’efficacia di farmaci antidiabetici. L’istituto ha sviluppato metodi che consentono di valutare la sensibilità all’insulina e la funzione beta-cellulare da semplici test in vivo, applicabili sin dalle fasi precliniche di sviluppo, ma che hanno trovato impiego principalmente dalla fase II alla IV.

# Scheda: 
32

La piattaforma di drug screening creata con le relative infrastrutture di ricerca intende porsi come punto di riferimento per lo screening ad alta efficienza di librerie di varia natura (piccole molecole, librerie di peptidi sintetici), utilizzando sia saggi in vitro che in silico.

# Scheda: 
30

Si tratta di una tecnologia adatta a registrare microscopie a scansione in trasmissione: un pennello di raggi X duri, focalizzati tramite un’ottica opportuna, illumina in maniera seriale aree contigue di un campione, mentre un rivelatore areale posto ad un’opportuna distanza dal campione registra il segnale diffratto da ogni singola area illuminata, nel basso angolo (SAXS).

# Scheda: 
28

La determinazione della struttura atomica tridimensionale di una molecola per comprendere le relazioni struttura-proprietà, è interesse di gruppi di ricerca, aziende coinvolte nella produzione di nuovi materiali e ditte farmaceutiche.

Il team dell’ IC-CNR possiede il know-how sperimentale e metodologico per caratterizzare materiali disponibili sotto forma di polveri microcristalline. Le provate competenze sono:

# Scheda: 
10

Test in vitro su cellule di sangue periferico o su cellule di espettorato indotto provenienti da pazienti con affezioni respiratorie per saggiare l’attività di specifici farmaci di interesse pneumologico (steroidi, broncodilatatori, fluidificanti, inibitori selettivi di fosfodiesterasi etc) su target molecolari tipici del contesto patologico di riferimento.