You are here

FARMACO: Molecole per Farmaci Innovativi

# Scheda: 
108

Le lipossine sono degli eicosanoidi endogeni, con proprietà anti-infiammatorie e anti-fibrotiche, generati dalla biosintesi transcellulare e coinvolti nei processi di risoluzione dell’infiammazione.

Studi recenti hanno evidenziato un deficit della lipossina A4 (LXA4) nelle patologie infiammatorie croniche del polmone, in diverse patologie infiammatorie croniche e fibrotiche.

# Scheda: 
115

La tecnologia si colloca nell’area dell’immunoterapia (vaccini terapeutici) dei tumori associati ad infezione da virus del papilloma umano (HPV). La tecnologia si basa in particolare su un vaccino genetico in cui una versione 'disarmata' del gene codificante l’oncoproteina E7 di HPV 16 è fusa con gene vegetale che codifica per una proteina vegetale mutata (‘saporina’ di Saponaria officinalis).

# Scheda: 
114

Composti peptidomimetici o derivati sintetici per il trattamento terapeutico di tutte quelle condizioni patologiche (cardiache ma anche neuronali, oftalmiche, vascolari, e intestinali) associate a disfunzioni dell’omeostasi intra-cellulare dello ione calcio (Ca2+) e dipendenti da alterazioni dei canali del calcio di tipo L (LTCC).

Titolo tecnologia:

Nuovi Inibitori di Caspasi-1

# Scheda: 
109

Una nuova classe di inibitori non covalenti di Caspasi-1. Le molecole sintetizzate di natura non peptidica e con basso peso molecolare, hanno mostrato attività neuroprotettiva e sono risultate in grado di attraversare la barriera ematoencefalica. Tali molecole sono d’interesse per modulare il processo infiammatorio con potenziale applicazione terapeutica per patologie neurodegenerative sia acute che croniche ma anche per patologie infiammatorie articolari, della pelle, e del tratto digestivo.

# Scheda: 
63

Si è messo a punto un collirio a base di nanosfere contenti myriocin, un inibitore della serina palmitoiltrasferasi, l’enzima che catalizza la reazione “rate limiting” della biosintesi di ceramide, un noto messaggero proapoptotico.

Abbiamo dimostrato che la somministrazione in vivo del collirio a base di myriocin a topi mutanti rd10, modello di Retinitite Pigmentosa(RP) umana, rallenta sensibilmente il decorso della degenerazione dei fotorecettori, prolungando la finestra temporale di visione utile.

# Scheda: 
62

L’invenzione concerne una nuova applicazione terapeutica dei modulatori allosterici positivi del recettore metabotropico del glutammato mGluR5, segnatamente per il trattamento terapeutico della sindrome di Phelan-McDermid causata dalla delezione 22q13. Un modulatore allosterico positivo preferito a tale scopo è la 3-ciano-N-(1,3-difenil-1-H-pirazol-5-il)benzamide, indicata in breve come CDPPB.