You are here

Tecnologie

# Tecnologie indicizzate: 89
# Scheda: 
83

Il team fornirà ad industrie farmaceutiche, cosmetiche e produttrici di integratori alimentari un servizio di valutazione della tossicità riproduttiva e dello sviluppo embrionale e fetale, mediante test innovativi in vitro validati in house su vari modelli animali, utili per ricerca e sviluppo di nuove molecole.

# Scheda: 
84

Il materiale vegetale è rappresentato da due specie: il loglio rigido (Lolium rigidum Gaudin) e la medica polimorfa (Medicago polymorpha L.), varietà costituite con cicli di selezione massale.

Nurra” (graminacea) e “Anglona” (leguminosa) sono le due denominazioni proposte al Mipaaf al fine della loro iscrizione al Registro Varietale Italiano.

# Scheda: 
85

Utilizzo di expert knowledge per la messa a punto di algoritmi che utilizzando dati satellitari ad altissima risoluzione (1-2 metri) integrati con dati in situ permettano di ottenere in output mappe di land cover e mappe di habitat e relative mappe di cambiamento ad una scala di 1:5000-1:2000.

La tassonomia utilizzata per le mappe di land cover è la FAO-LCCS e per le mappe di habitat le tassonomie Annex1/Eunis e GHC (General Habitat Categories).

# Scheda: 
88

Strutture porose ad architettura complessa - le tecnologie utilizzate sono funzione dei requisiti funzionali richiesti al prodotto e spaziano prevalentemente tra replica, foaming diretto, freeze casting, macro-granulazione.

La scelta è conseguente ai requisiti funzionali richiesti, connessi a porosità e composizione, in relazione alle specifiche applicazioni. Sono tecnologie near net shaping basate sull’uso di sospensioni acquose ceramiche.

# Scheda: 
89

ISTEC ha sviluppato ceramici bioinerti per protesi strutturali e superfici articolari a minima usura; corpi dentali e corone; cementi dentali; impianti endoossei osteointegrabili con rivestimenti bioattivi; compositi ceramici elettroconduttivi lavorabili per elettroerosione, EDM.

I compositi zirconia-allumina con lavorazione meccanica CAD-CAM sono usati per dispositivi odontoiatrici anche osteointegrabili attraverso l’applicazione di rivestimenti vetrosi bioattivi.

# Scheda: 
90

Lo sviluppo dei nuovi dispositivi avviene mediante processi biologicamente ispirati di assemblaggio, organizzazione e mineralizzazione di polimeri naturali, principalmente collagene, con nuove apatiti biomimetiche e/o drogate con ferro con proprietà superparamagnetiche per mimare la chimica e la struttura di regioni ossee e osteocartilaginee e per essere attivabili mediante segnale magnetico esterno:

# Scheda: 
92

Lo sviluppo di un protocollo/kit di ampio utilizzo che consenta la detection simultanea di varie specie di RNA su diversi tipi cellulari è di grande impatto sia nel campo della ricerca di base che applicata, quali ricerca sulle cellule staminali e differenziamento, neurobiologia, identificazione di cellule cancerose, analisi di non coding RNA.