You are here

Tecnologie

# Tecnologie indicizzate: 89
# Scheda: 
43

Il recettore tirosin-chinasi Axl è stato recentemente identificato come fattore critico nel regolare l'invasione e la migrazione cellulare, nonché la transizione epitelio-mesenchimale delle cellule tumorali. La sua espressione, inoltre, è aumentata nel carcinoma ovarico in maniera direttamente proporzionale alla malignità del carcinoma stesso.

# Scheda: 
47

La tecnologia consiste in un sistema di veicolazione mirata di farmaci (Drug Delivery System, DDS) basato su globuli rossi ingegnerizzati che esprimono sulla loro membrana citoplasmatica opportune proteine atte alla ricognizione e fusione con la cellula bersaglio e contengono nel loro interno nanoparticelle paramagnetiche.

# Scheda: 
48

Il prodotto è denominato Cardiovascular Suite e si compone di tre applicativi (studios) dedicati alla misura di diversi distretti dell'apparato cardiovascolare:

1) FMD Studio, per una valutazione funzionale dei vasi periferici;

2) Carotid Studio, per lo studio delle carotidi;

3) Pulse Wave Studio, per lo studio della rigidità vascolare.

# Scheda: 
49

Il software messo a punto, basato su un pacchetto di computer graphics 3D molto sofisticato, permette la visualizzazione di molecole, anche molto complesse quali le proteine, con una tecnica innovativa e molto efficace.

Infatti, basando i calcoli su dati scientifici ottenuti da database internazionali, ed utilizzando formule complesse e rigorose, con BioBlender è possibile visualizzare fenomeni biologici a livello atomico, e al tempo stesso con una forte capacità comunicativa.

# Scheda: 
50

Oggetto del Brevetto: un nuovo metodo di sintesi di composti spiranici e derivati spiranici variamente funzionalizzati con attività antitumorale.

La funzione spiranica è presente in molti macrolidi naturali e rappresenta una parte essenziale in una varietà di sostanze bioattive ad attività antifungina, antibiotica, antitumorale, antielmintica etc.

Tali molecole sono ottenibili mediante lunghe procedure stereoselettive.

# Scheda: 
51

L’invenzione è stata così progettata e realizzata: apparecchiatura comprendente una cella d’incubazione realizzata in materiale amagnetico per la coltura di cellule procariotiche, eucariotiche, trasformate e non che presentano vari gradi di differenziamento e di cellule staminali.

Essa è inserita all’interno di un sistema espositivo in grado di generare campi magnetici ed elettromagnetici controllati e riproducibili di frequenza ed intensità idonea al trattamento delle popolazioni cellulari in modo da consentirne uno sviluppo tissutale controllato.

# Scheda: 
52

L'obiettivo è quello di progettare e validare una piattaforma multiparametrica che permetta la rilevazione simultanea di più marker immunoistochimici per il CRC, combinando diversi indicatori positivi o negativi, con lo scopo di sviluppare uno strumento diagnostico/prognostico più specifico.

# Scheda: 
53

La tecnologia è basata sull’introduzione di due geni sotto un promotore costitutivo per la biosintesi di un ormone vegetale, l’auxina, in batteri del suolo del tipo Rhizobium capaci di stabilire un rapporto simbiotico con piante Leguminose.

I batteri divengono così capaci di rilasciare l’ormone alle cellule radicali della pianta e determinano:

# Scheda: 
55

L'invenzione consiste in proteine ricombinanti capaci di auto-assemblarsi per formare una proteina multimerica, che espone sequenze peptidiche del beta-amiloide. La proteina multimerica induce una risposta immunitaria contro il beta-amiloide, e quindi è utilizzabile come vaccino per il trattamento e/o la prevenzione della malattia di Alzheimer.