You are here

Tecnologie

# Tecnologie indicizzate: 89
# Scheda: 
32

La piattaforma di drug screening creata con le relative infrastrutture di ricerca intende porsi come punto di riferimento per lo screening ad alta efficienza di librerie di varia natura (piccole molecole, librerie di peptidi sintetici), utilizzando sia saggi in vitro che in silico.

# Scheda: 
33

Nuovi ligandi del recettore di chemochine CXCR4, importante bersaglio terapeutico e biomarker per tumori primari con elevata tendenza a metastatizzare, con ulteriori possibili applicazioni nel trapianto autologo di cellule staminali emopoietiche, nella prevenzione dell'infezione da HIV e nella terapia delle ustioni.

Due distinte strategie, perseguite con metodologie e partnership differenti hanno prodotto due categorie di ligandi:

# Scheda: 
34

Abbiamo sviluppato, a partire da un materiale biocompatibile opportunamente funzionalizzato, un materiale macroporoso (pHEMA-Lys) che permette la neutralizzazione selettiva di eparina, un anticoagulante largamente usato durante le procedure di emodialisi per prevenire la formazione di coaguli.

Tematica: 
# Scheda: 
35

Determinazione della presenza di micotossine di interesse agroalimentare quali tricoteceni, patulina, aflatossina e ocratossina A prodotte rispettivamente da Fusarium spp., Penicillium ssp. e Aspergillus spp..

La tecnologia prevede l’utilizzo di biosensori di tipo amperometrico home-made basati sull’inibizione dell’acetilcolinesterasi che provoca una variazione del contenuto di H2O2 prodotta.

# Scheda: 
135

Costruzione e studio di biosensori amperometrici che sfruttano l’attività ossidasica degli enzimi tirosinasi e laccasi al fine di determinare in modo selettivo la capacità inibitoria di nuovi potenziali inibitori nei confronti dei due enzimi.

Questo consente l’individuazione di inibitori selettivi per differenti target (es. melanoma, cosmesi) e in processi di melanizzazione dove sono coinvolti entrambi gli enzimi (es. cuticola di insetti).

# Scheda: 
36

E’ stata sviluppata una metodologia semplice, efficace e relativamente economica, che utilizza la β-ciclodestrina (βCD), cicloeptaamilosio commerciale, quale matrice naturale per l’inclusione di composti ad attività insetticida e fungicida di origine sintetica e naturale.

# Scheda: 
37

Proponiamo lo sviluppo di un nuovo agente terapeutico contro il melanoma a partire da un bifenile idrossilato analogo strutturale della curcumina, il chetone alfa,beta insaturo denominato D6, per il quale è stata già dimostrata un'azione antitumorale a concentrazioni dell’ordine di 1 µmol, contro il melanoma ed il neuroblastoma, sia in vitro che in vivo su modelli animali.

# Scheda: 
39

La tecnologia da noi sviluppata ed utilizzata, si basa sulle proprietà chimiche del frammento molecolare [99mTcN(PNP)]2+ (PNP= difosfinammina) ed è stata efficientemente applicata alla sintesi di complessi asimmetrici del tipo [99mTcN(YZ)(PNP)]+/0 (YZ = ditiocarbammati; cisteino derivati) utili allo sviluppo di radiofarmaci per la diagnosi SPECT di perfusione e target specifica.

I vantaggi nell’impiego di questa tecnologia sono:

# Scheda: 
40

Un nuovo composto a base di rame(I), [Cu(thp)4]PF6 (thp = trisidrossimetilfosfina) stabile e solubile in ambiente acquoso, ha dimostrato in vitro una tossicità verso numerose linee cellulari tumorali umane mediamente 2-40 volte più alta del chemioterapico di riferimento cis-platino, e al contempo una bassa tossicità dovuta alla sua selettività verso cellule tumorali rispetto a cellule normali.

# Scheda: 
42

L’endomicroscopio laser confocale (CLE) con l’infusione endovenosa di fluoresceina consente la visualizzazione in vivo, in tempo reale e in modo non invasivo della mucosa gastrointestinale con un ingrandimento di circa 1000X (“biopsia virtuale”).

La generazione di una sonda nella quale un anticorpo anti-CCDC6 sia fuso alla fluoresceina ci consentirà di riconoscere l’ACF, la lesione preneoplastica della mucosa del colon, più precocemente individuabile.